INXS

di Pietro Cavassa

(Si pronuncia :”Inexès”)

Gli INXS sono un gruppo nato nel 1977, anche se in realtà il nome INXS arriverà solo con l’uscita dell’omonimo album nel 1980. Sono nati a Sidney in Australia e sono uno dei molti gruppi australiani che sono emersi a titolo internazionale in quegli anni (vedi ACDC, Crowed House, Midnight Oil e diversi altri). La formazione è composta da : voce, batteria, due chitarre, basso e sassofono, anche se in realtà praticamente ogni componente aveva poi una seconda funzione come quella di voce di supporto o di altri strumenti.
Sono famosi per varie canzoni: le più celebri sono Mystify, Never tear us apart, Original Sin e Need You Tonight. Quest’ultima è stata inoltre recentemente “coverizzata” da un artista conosciuto come Professor Green, lanciato su MTV PUSH due o tre anni fa.
Il Leader nonché frontman del gruppo è Michael Hutchence. Come aspetto esteriore e atteggiamento è leggermente somigliante a Jim Morrison, il cantante dei Doors da cui prendeva ispirazione, anche se in realtà gli INXS non hanno praticamente niente a che vedere coi Doors.
Hanno inciso vari album – quello di debutto si intitola INXS, ma quello che li ha portati davvero al successo è stato Kick, in cui sono contenuti quasi tutti i pezzi di maggior successo del gruppo australiano.
Purtroppo oggi come oggi il disco è fuori catalogo in qualsiasi negozio ed è introvabile, io ho stesso ho provato più volte a recuperarlo senza ottenere alcun tipo di risultato. È in realtà stata lanciata recentemente una raccolta dei loro pezzi di maggior successo presso i negozi di musica internazionali; l’unico ostacolo all’acquisto di questo cd che è reperibile con maggiore facilità rispetto all’album originale Kick, è il prezzo molto alto (forse eccessivo). Io l’ho acquistato ugualmente e lo consiglio, mentre a chi non fosse disposto a spendere i 17 euro richiesti suggerisco di aspettare qualche mese sperando che il prezzo cali.
Nonostante non siano molto poetici nei testi delle canzoni, gli INXS sono senza dubbio un gruppo che può piacere molto anche se pochi li conoscono, malgrado il successo notevole che hanno riscosso in quegli anni, testimoniato dalla considerevole affluenza di pubblico nel loro live di maggior portata, ovvero quello tenutosi all’interno dello Wimbley Stadium di Londra.
Dopo la morte del leader del gruppo, gli INXS hanno passato anni a cercare un sostituto adatto e infine è stato eletto J.D Fortune. La causa della morte è tuttora incera anche se l’ipotesi più avvalorata è quella del suicidio visto che da tempo Hutchence soffriva di depressione per vari motivi. Uno di questi può essere ad esempio la compagna Paula Yates che lo lasciò per stare con Bob Geldoff, artista sicuramente più conosciuto anche in tempi moderni. Questo e altri motivi avrebbero portato all’auto-impiccagione del cantante australiano in una stanza d’albergo. Un suo grande amico, Simon Le Bon, che faceva parte del gruppo dei Duran Duran, gli dedicò la canzone “Michael, You’ve Got A Lot To Answer For”.
In seguito alla morte del cantante gli INXS hanno continuato a pubblicare album di successo anche se non equiparabile a quello riscosso da Kick. Il loro ultimo album è del 2005 intitolato Switch ,con J.D , questo però non ha riscontrato molto successo e dopo quest’ultima opera il gruppo si è ritirato anche se occasionalmente tiene qualche concerto.
Gli INXS sono uno dei miei gruppi preferiti. Il loro è un sound rock tipicamente anni ottanta e Need you tonight ne è l’esempio principale. Vorrei aggiungere che era un rock anche molto divertente, accattivante, che cattura l’attenzione di tutti. Interessante dal punto di vista musicale, come insieme di strumenti, ma allo stesso tempo di piacevole ascolto, per nulla pesante o complicato. Se si assiste ad una loro intervista, (io sono riuscito a recuperarne una girovagando su Youtube) questi aspetti della loro musica si possono ritrovare nel carattere di ciascuno dei componenti e nell’atmosfera che creano nell’insieme. Per così dire: si divertivano davvero molto.
Per concludere vi consiglio in primis l’ascolto di Mystify, che è la mia preferita fra le loro canzoni, ma senza dubbio anche i pezzi sopra elencati quali appunto Original Sin, Need you tonight e Never tear us apart, i quali  sono brani validissimi. Suggerisco a chi non si accontentasse, oltre alle più famose già elencate, le canzoni : Devil Inside,  New Sensation, Kick e infine The Loved one, che sono altri pezzi  celebri e affermati nella discografia degli INXS.

Lascia un commento

Archiviato in Musica, Pietro Cavassa, Recensioni

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...