SHUTTER ISLAND

di Ioana Rosca
È UN FILM THRILLER DIRETTO DA Martin Scorsese,con Leonardo Di Caprio ,Mark Ruffalo,Ben Kingsley e Michelle Williams. La trama è basata sul romanzo “Shutter Island” di Denis Lehane.
Le vicende si svolgono negli anni ’50,in America,sull’isola di Shutter Island, dove ha sede un manicomio per criminali controllato dal dottor John Cawley (Ben Kingsley). Gli agenti federali Teddy Daniels (Leonardo di Caprio) e Chuck Aule (Mark Ruffalo) vengono incaricati di indagare sulla scomparsa di una “paziente” del carcere, Rachel Solando, evasa dalla sua camera senza lasciare tracce. L’indagine si rivela molto complicata, soprattutto per la non collaborazione dei dirigenti dell’ospedale psichiatrico e da un uragano che devasta l’isola ostacolando le ricerche. Per  Daniels e il suo socio non sarà facile passare oltre la coltre di omertà e mistero che offusca la verità e venire a capo dei loschi complotti attuati sull’isola.
Per tutto lo svolgimento degli avvenimenti l’attenzione è incentrata sull’ispettore Daniels: terribili e irreali sogni lo affliggono e il suo passato lo tormenta portandolo a cercare risposte tra i carcerati dell’isola, in lui vive il conflitto della situazione dell’America del dopoguerra che si divide tra futuro e innovazione e attaccamento al passato e agli avvenimenti della guerra; lo spettatore è portato a seguire la trama intricata vedendo il protagonista come strumento di intuizione e scoperta, unico elemento di sicurezza e verità per quasi tutto il film.
L’esposizione dei fatti non è continua, ma interrotta da flashback e sogni dell’ispettore, che non interferiscono comunque con le potenzialità dell’insieme; la storia riesce a catturare il pubblico nella rete di atrocità e segreti che si immagina e percepisce appena, è bramata e sospesa, diventa sempre più chiara con lo svolgersi delle vicende e stupisce nell’inaspettato finale. L’elemento più sottile ma nel contempo più importante è la strumentalizzazione della mente umana, dei metodi e delle ricerche usati per controllarla e del suo potere. Il motivo che porta i federali a indagare sull’isola è solo la punta dell’iceberg di sui si scopriranno molte facce,svelando un complotto a scopo militare. Le vicende personali del protagonista oscurano le inquietanti e agognate scoperte, sta al buon osservatore capire che il mistero è stato veramente svelato.
Le emozioni e il coinvolgimento suscitati dal film sono del tutto unici, grazie alla perfetta regia di Martin Scorsese  che conferisce a ogni sua produzione un’indiscutibile singolarità, qualsiasi genere decida di adottare. Da lodare anche l’ambientazione perfetta che ha un impatto essenziale con la presentazione dei fatti e il talento dimostrato dagli attori: Leonardo di Caprio ormai maturo (ma ancora figo) e affermato si adatta perfettamente al suo ruolo, Michelle Williams (la Jenny di Dawson’s Creek) sorprende e Ben Kingsley completa il tutto con la sua impassibile espressione di losco psichiatra.
La colonna sonora inquietante fa da spalla all’incredibile ragionamento psicologico dell’insieme che dimostra che la verità non è sempre un valore assoluto. Cinema di qualità.

Lascia un commento

Archiviato in Recensioni

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...