InformAZIONE

SCIENZE
A Pavia nuova cura per i tumori
A Pavia è guerra ai tumori con armi di ultima generazione progettate e costruite interamente in Italia: un super-raggio di carbonio e protoni per bombardare il cancro risparmiando i tessuti sani. Il centro si concentrerà in particolare nella cura dei tumori solidi resistenti alla radioterapia o difficilmente operabili, grazie a una radioterapia mirata che utilizza al posto dei normali raggi X particelle subatomiche chiamate adroni che sono in grado di penetrare in profondità nel corpo umano, arrivando a colpire anche gli organi più difficili da raggiungere con la chirurgia, senza danneggiare i tessuti sani circostanti. Questa terapia non sostituisce la radioterapia convenzionale, ma è un’arma in più a disposizione di medici e pazienti.
Spray all’ossitocina migliora socialita’
Potrebbe arrivare uno spray nasale per combattere l’asocialità. Secondo quanto riferito su Proceedings of the National Academy of Sciences si tratta di uno spray all’ossitocina, che, somministrato a soggetti autistici che hanno difficoltà a relazionarsi con gli altri, migliora il loro grado di socievolezza e attenzione agli altri. Lo studio è stato condotto dall’italiana Angela Sirigu, che lavora in Francia.
Cura per l’alzheimer
Curare il morbo di Alzheimer sarà possibile secondo il professor Etienne-Emile Baulieu, l’inventore della pillola del giorno dopo, la Ru 486. Lo ha detto lui stesso presentando la sua ultima scoperta: una proteina capace di rallentare la demenza degenerativa invalidante che esordisce in prevalenza in età senile.
MONDO
Esperimenti nucleari francesi in Algeria
Centinaia di soldati di leva francesi sono stati usati come cavie durante gli esperimenti nucleari condotti dalla Francia in Algeria negli anni sessanta, come pubblica il quotidiano francese Le Parisien .Il rapporto spiega che molti soldati di leva sono stati deliberatamente esposti alle radiazioni. Numerosi soldati impiegati negli esperimenti denunciano di essere stati usati come vere e proprie cavie da laboratorio. Molti di loro negli anni seguenti hanno contratto malattie mortali. Uno degli obiettivi degli esperimenti era quello di studiare gli effetti fisiologici e psicologici di un’esplosione atomica sull’uomo.
William Kob è un testimone che aveva riportato la formazione di strane placche in vari punti del corpo. Oggi ha deciso di parlare.
Blog di pace
I blogger iracheni, insieme a quelli palestinesi e libanesi si sono incontrati in una conferenza ad Amman, in Giordania. L’obiettivo della conferenza sponsorizzata dall’Unesco era quello di scambiare le proprie esperienze di blogger in paesi che vivono in conflitto o che escono da una guerra. Le nuove tecnologie danno la possibilità di esprimersi alle vittime delle guerre civili. I signori della guerra non hanno solo le loro milizie, possiedono anche i grandi mezzi d’informazione, le televisioni, le radio e i quotidiani. I computer sono l’unica arma per chiedere la pace. La maggior parte dei partecipanti al meeting è d’accordo sulla necessità di creare una piattaforma per costruire e diffondere la pace e per esprimere il proprio desiderio di un dialogo tra le parti armate.
Violenza in Messico
Il massacro di 16 adolescenti a Ciudad Juárez, il 30 gennaio, è l’ultima tragedia di una guerra che si sta combattendo in questa città senza legge del Messico, proprio davanti al confine statunitense. Il mese di gennaio è stato uno dei più violenti: 227 omicidi alla fine del mese. Ma non c’è solo Ciudad Juárez, dallo stato del Sonora arrivano altre notizie crude. La maggior parte delle mutilazioni, delle decapitazioni, degli assassini e delle torture ruota intorno ai piccoli profitti del mercato della droga.Come spiega Cecilia Ballí “Chi commette queste violenze interpreta i suoi gesti come una performance sociale. Una dimostrazione di potere, di virilità”. Mentre tutto questo succede non c’è traccia di un movimento di rivolta contro i cartelli della droga. E i partiti politici non hanno mai contrastato davvero l’ascesa dei narcos. Le uniche speranze risiedono nella religione e nelle donne.
Diamanti in Africa
Alcuni paesi africani sono riusciti in questi anni a sfruttare le risorse naturali per promuovere sviluppo economico e sociale. Per altri, la ricchezza di risorse si è rivelata una vera e propria maledizione. Il Botswana negli ultimi vent’anni è riuscito, grazie soprattutto all’esportazione di diamanti, a crescere costantemente. Al contrario, la Repubblica Democratica del Congo (Rdc) e la Sierra Leone sono finiti in bancarotta. Il Camerun deve scegliere adesso quale dai due modelli seguire, perché a maggio è stato scoperto un grande giacimento di diamanti. I cittadini si devono preparare a vivere gli stessi drammi della Sierra Leone e dell’Rdc? Per evitarlo i contratti di sfruttamento vanno concessi secondo regole pertinenti, che facciano in modo che la maggior parte della ricchezza prodotta rimanga in Camerun, e la gestione delle risorse e dei profitti deve essere trasparente.
ITALIA
Legge rosa in Campania
La ‘legge rosa’ che si sperimenterà alle prossime elezioni regionali è la nuova legge elettorale della Campania e prevede la doppia preferenza alternata uomo donna, obbliga i partiti a candidare le donne ed impone che esse siano presenti in televisione quanto gli uomini nei programmi elettorali e di comunicazione politica. In Campania, si profilano, per la prossima consultazione elettorale, scenari inediti determinati dalle scelte dei partiti, delle donne impegnate in politica ed è all’avanguardia rispetto alla questione della democrazia paritaria.

Lascia un commento

Archiviato in Notizie

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...